Poesie"Ho conosciuto in te le meraviglie"... di Alda Merini 

27/11/2017 - 17h

Ho conosciuto in te le meraviglie

Ho conosciuto in te le meraviglie

meraviglie d’amore sì scoperte

che parevano a me delle conchiglie

ove odorano il mare e le deserte

spiagge corrive e lì dentro l’amore

mi son persa come alla bufera

sempre tenendo fermo questo cuore

che (ben sapevo) amava una chimera.

Alda Merini.

O il veleggiare del tuo caldo pensiero

O il veleggiare del tuo caldo pensiero

sopra la mia parola

e il tuo dormire selvaggio

accanto al mio seno vivo;

o l’adombrarsi della primavera

quando cade il suono del seme

sulla terra feconda di parola.

Così tu sei l’esempio

del sole mio.

Alda Merini.

’amore passato: Alda Merini, Ieri sera era amore (A Ettore)

La poetessa dei navigli la dedicò a Ettore, suo marito, cui si unì nel 1953. Nella sua vita, non facile a causa dei suoi disturbi psicologici, la poesia fu sollievo e arte: a essa, e all’amore, Alda dedicò gran parte delle proprie energie (“Non ho paura della morte, ma ho paura dell’amore”).

“Ieri sera era amore,

io e te nella vita

fuggitivi e fuggiaschi

con un bacio e una bocca

come in un quadro astratto:

io e te innamorati

stupendamente accanto.

Io ti ho gemmato e l’ho detto:

ma questa mia emozione

si è spenta nelle parole”.

Tags
PoesiaAlda Meriniho conosciuto in te le meraviglie