PensieriIl principe e la rondine, una storia sul pericolo di attaccamento

14/09/2018 - 12h

In un regno lontano, un principe passava la maggior parte dei suoi giorni alla finestra, aspettando che succedesse qualcosa di nuovo nelle vicinanze. Dopo un lungo periodo senza che accadesse nulla di speciale in una mattina di aprile, una rondine atterrò alla sua finestra.

"Che uccello delicato" pensò il principe. La rondine ha cantato un po' per lui e poi è andata per la sua strada. Il principe era incantato dall'uccello che, sebbene piccolo, possedeva un grande dono. Era grato di aver apprezzato il fascino dell'animale unico.

Dopo questo evento, ogni giorno il principe attendeva il ritorno dell'uccello, per condividere un altro momento speciale al suo fianco. Dopo un po', la sua attesa era finita, l'uccello tornò e cantò un'altra canzone per il principe, che fu ancora più contento.

Prima della sua partenza, si domandó se la rondine non sentisse freddo.

Al terzo ritorno della rondine, il principe si preoccupò della sua fame. Così decise di prepararsi a riceverla meglio e ebbe l'idea di costruire una casa appositamente per lei. Chiese al suo servo di comprare i materiali e fare la casa per l'uccello. "Maledetto uccello," mormorò il servo.

Quando la casa fu pronta, mise dentro insetti, acqua e tessuti di seta per fare un letto per la rondine. Rendendosi conto che l'uccello era tornato al palazzo, il principe mise la casa nelle vicinanze e osservò mentre si godeva il cibo e l'acqua che aveva preparato.

"Ti piacciono questi insetti? Li ho presi appositamente per te." Dopo un po', l'uccello volò via di nuovo.

La rondine non fu vista per molto tempo e il principe cominciò ad essere apprensivo e ansioso. E se lei non sarebbe mai piú tornata? E se avesse trovato una casa migliore? Forse altri principi hanno costruito case migliori per lei. 

Il principe perse il sonno pensando a come avrebbe potuto impedire alla rondine di avere un altro proprietario. Mise alla porta della casetta un lucchetto. Quando la rondine finalmente tornò e andò a gustare il cibo, la chiuse dentro la casa e disse:

"Ti amo, non ti mancheranno mai acqua, cibo e non sentirai freddo."

All'inizio l'uccello si sentì un po' sconvolto, ma quando si rese conto della convenienza della casa, accettò. Ha sempre avuto cibo e acqua, oltre a un letto molto comodo su cui dormire.

Il principe mise la casetta sul comodino in modo che potesse salutarla ogni mattina al risveglio.

"Tu sei la mia rondine, canta una bellissima canzone per me", diceva.

La rondine, fino ad allora, pensò che questa nuova vita non fosse poi così male, ma nel corso dei giorni perse la sua capacità di cantare finché un giorno non divenne completamente muta.

Il principe fu completamente preso alla sprovvista quando si rese conto che il suo uccello non poteva più cantare le canzoni più belle del mondo.

"Non canti più?" Le chiese. "Mi hai reso molto felice quando hai cantato."

"La mia canzone è stata ispirata dal flusso del fiume, dal suono del vento tra gli alberi, dal riflesso della luna sulle rocce delle montagne. Ero felice, ma ora, in questa gabbia, non riesco a trovare alcun motivo per cantare."

"Lo faccio perché ti amo", disse il principe. "È pericoloso andare in giro da sola. Cosa succede se si verifica un incidente? Cosa succede se non riesci a trovare il cibo? Cosa succede se un cacciatore ti spara?"

"Chi? Che cosa è un cacciatore?" - la rondine cercò di capire.

"Mi prendo cura di te e ti proteggo, qui sei al sicuro da ogni pericolo."

Un giorno, quando il principe si svegliò, notò qualcosa di molto triste. La rondine era morta. Nello stesso momento fu pieno di rabbia e indignazione. Ha licenziato il suo servo, perché lo ha incolpato per quello che era successo. Tuttavia, anche dando la colpa a qualcuno, si sentiva ancora molto triste e solo, perché quella era la migliore compagnia che era riuscito a trovare, la migliore del mondo.

Fino a quando un'altra rondine è atterrata alla sua finestra e ha cantato una canzone: la canzone più bella che avesse mai sentito.

Questa storia ci fa riflettere sul sentimento di attaccamento e, come quando non è controllato, può interferire con la libertà e la felicità dell'altro.

Quando amiamo qualcuno, dobbiamo permettere a quella persona di vivere la propria vita, facendo ciò che la rende felice, perché quando proviamo a possederla, possiamo perderla in un modo molto brutto. Quando proviamo veramente amore per un'altra persona, dovremmo rispettare le loro scelte e valutare la loro felicità al di sopra dei nostri desideri personali.

I nostri cari sono le nostre rondini, e hanno bisogno di volare, trovare motivi per cantare e completare le nostre vite con la loro libertà.

Tags
storiaprinciperondinelibertávitapossessionemotivifelicitápossedereamorepersonacarivolarecantarecompletarelibertá