• Musica
  • Lavoro
  • Viaggi
  • Sport
  • CuriositàLo troveremo, sì... Il nostro bacio - di Pedro Salinas

    12/12/2017 - 21h

    Lo troveremo, sì.

    Il nostro bacio.

    Sarà su di un letto di nubi,

    di cristalli o di braci?

    Sarà

    fra un minuto,

    o domani,

    o nel secolo futuro,

    o proprio all’estrema soglia dei mai?

    Vivi, morti? Lo sai?

    Con la tua carne e la mia,

    con il mio nome ed il tuo?

    O forse dovrà essere con altre labbra,

    con altri nomi

    e dopo secoli,

    ciò che oggi vuole essere,

    qui, sin da ora?

    Non lo sappiamo.

    Sappiamo che sarà.

    Che in qualche cosa, sì, e in qualcuno

    si dovrà realizzare

    questo amore inventato

    senza terra nè data

    dove posarsi ora:

    il grande amore sospeso…

    Pedro Salinas.

    Pedro Salinas

    (Madrid, 1891 - Boston, 1951) Poeta spagnolo, membro della Generazione del 27, in cui si è distinto come un poeta dell'amore. Profondo intellettuale e umanista, Pedro Salinas ha studiato legge, filosofia e lettere. Fu lettore spagnolo all'Università di Parigi tra il 1914 e il 1917, anno in cui ricevette il dottorato in lettere.

    Nel 1920 ha iniziato una regolare collaborazione con la Revista de Occidente ed è stato professore di lingua e letteratura spagnola presso le università di Siviglia e Murcia. Ha lavorato come lettore spagnolo a Cambridge. Insieme a Guillermo de Torre ha diretto la rivista Literary Index (1932-1936). In quest'ultimo anno ha emigrato in America, dove ha servito come un professore in varie università, dove ha vissuto fino alla sua morte, tranne che per alcuni periodi in cui ha insegnato presso l'Università di San Juan de Puerto Rico.

    Poeta soggettivo, erede d'amore della tradizione di Garcilaso de la Vega e Gustavo Adolfo Bécquer , il grande tema della sua poesia era l'amore, attraverso la quale ha chiarito e ricreato la realtà e gli oggetti. Nella sua produzione, si possono distinguere tre fasi.

    La prima parte del flusso di "poesia pura", influenzato da Juan Ramon Jimenez , che ha anche segnato l'inizio di molti della sua generazione, come Jorge Guillén , Vicente Aleixandre , Damaso Alonso, Federico García Lorca e Rafael Alberti . Che vanno da suoi primi versi fino al 1931, e comprende la raccolte di poesie Omens (1924)Seguro azar (1929) e Fábula y signo (1931).

    La seconda arriva al 1939 ed è stata la poesia d'amore davvero, dalla sua appassionata relazione con professore americano Katherine Whitmore. In esso celebra l'amore che dà senso al mondo; l'amato è una creatura particolare in uno spazio di tutti i giorni, con la quale il poeta mantiene una conversazione in corso. L'amore della sua lirica non è tormentato e sofferto; Si tratta di una forza prodigiosa che dà senso alla vita ( La voce che causa 1933, ragione d'amore , 1936, e Largo lamento , 1939).

    Le opere di questo palcoscenico sono nutrite da un testo in seconda persona, vocativo, diretto all'immagine dell'amato, coinvolto nelle circostanze esterne della vita attuale: orologi, telefoni, spiagge, strade, pubblicità, automobili e calendari appaiono in tale la poesia è cambiata e trasfigurata. La donna è vista in una prospettiva di prossimità, come un'amica che diventa amata contemplando se stessa riflessa nello "specchio di fuoco" che l'amore le offre.

    Tale attività poetica, in cui vengono utilizzati elementi metrici molto sottili e leggeri (metri corti, con assonanze di grande flessibilità, che enfatizzano il ritmo interno di metafore, idee e eloquenza fluida), trova la sua migliore rappresentazione in La voz grazie , un'opera che ha profondamente influenzato la poesia spagnola.

    Il terzo stadio va dal 1939 fino alla sua morte. La poesia di quegli anni rifletteva le sue preoccupazioni filosofiche e una preoccupazione per la funzione del poeta e dell'arte, dal momento che il suo spirito umanista si ribellava dinanzi al mondo moderno; ma non era la sua poesia puramente intellettualistica, ma si basava anche sul sensuale, in una visione cosmica ma fortemente emotiva.

    Tre libri compongono la produzione di questo periodo: The contemplated one (1946), Everything clearer and other poems (1949) and Confidence 1942-1944 (1955), raccolta di poesie sparse pubblicate postume.

    Tags
    Pedro Salinaspoesiail nostro bacio