CuriositàMiracolo d'amore! La mamma si sveglia dopo 23 giorni di coma quando sente il calore del suo bambino

08/10/2018 - 11h

L'amore e suoi miracoli. È accaduto a Fortaleza, in Brasile, quando una madre si è risvegliata da un coma in cui era da settimane dopo aver sentito il calore del suo figlio appena nato.

Amanda Cristina Alves da Silva, 28, cadde in coma dopo aver avuto delle convulsioni, e un attacco epilettico perché aveva smesso il trattamento per non non causare danni al bambino.

"Tutto è cambiato 23 giorni dopo, quando la squadra dell'ospedale ha deciso di mettere in contatto madre e figlio. Quando sentì il tocco della pelle del bambino sul suo petto, gridò. Poi ha continuato a reagire e, in meno di un mese, è stata dimessa ed in grado di tornare a casa con suo figlio, Victor Hugo."

È il terzo figlio di Amanda, che è arrivato senza pianificazione. La madre soffre di epilessia dall'età di sette anni, ma l'ha tenuta sotto controllo con delle medicine.

Per evitare malformazioni al bambino, Amanda evitò di abusare delle medicine che lei in genere ingerisce, quindi subì molti attacchi durante la gravidanza.

Il giorno del parto, Amanda dice che ricorda di avere avuto una discussione con suo marito, il che l'ha lasciata molto ansiosa e agitata. Lei crede che questo sia stato il fattore che ha innescato un attacco epilettico così forte.

Con 36-37 settimane di gravidanza i medici hanno deciso di fare un cesareo d'emergenza per evitare ulteriori rischi per il bambino. Amanda ha ricevuto un'anestesia generale e ha dato alla luce Victor Hugo, che è nato di 2,100 g.

La madre non ha visto il bambino.

Victor Hugo è rimasto in terapia intensiva per sei giorni e poi è stato trasferito in un'unità semi-intensiva. Nel frattempo, Amanda rimase senza alcun segno di risposta.

"Amanda ha aperto gli occhi, ma non ha risposto ai comandi, i medici la chiamavano per nome, ma lei non seguiva con il suo sguardo, le hanno applicato stimoli di dolore e lei non reagiva, i test hanno mostrato attività cerebrale, ma non ha risposto a niente, nemmeno alla voce dei parenti, non ha mosso braccia, gambe, niente," spiegò Alencar Junior.

Il calore del suo piccolo figlio

Pensando che Amanda sarebbe rimasta in uno stato vegetale, i medici pensarono di mandarla a casa con il sostegno adeguato, ma l'infermiera, Fabíola Sá, suggerì un'ultima risorsa: mettere il bambino a contatto con la madre.

Amanda rimase immobile finché un'infermiera non mise il bambino sul suo petto. Fabíola prese le braccia di Amanda e le mise intorno al bambino, come se lo stesse accogliendo. La reazione di Amanda sorprese tutta la squadra: il battito del cuore accelerò e la giovane madre pianse, come se stesse cercando di ringraziare per quello che stava succedendo.

La cosa più impressionante secondo Fabíola, è stato vedere il latte spuntare spontaneamente dal culmine del seno di Amanda senza essere stimolato, dal momento che il parto era avvenuto 23 giorni prima.

"Tutta la squadra gridò. La sua risposta è stata immediata. Quando sentì la pelle del bambino, cominciò a piangere", ricorda Fabíola.

Venti giorni dopo ha ricevuto la dimissione dall'ospedale con Victor Hugo senza alcun seguito. 

"Non abbiamo alcuna risposta scientifica a ciò che è successo e non ci si aspettava un rapido recupero come in realtà Amanda ha avuto." Studieremo l'importanza della cura umana e l'importanza del contatto pelle a pelle tra madre e figlio", ha detto Fabíola.

Tags
amandafabiolamedicipartofigliocontattorisvegliocomaamoreaffettobrasilemiracolisettimanecaloreequipemesedimissioneepilessiaattacchimedicinalismessifarmacicuregravidanza