CuriositàNel suo tempo libero, questo signore di 86 anni fa berrettini per neonati in terapia intensiva

26/07/2018 - 17h

Ha imparato a cucire da solo e il suo tempo libero lo dedica a fare dei berrettini ai bambini nati prematuramente dell'unità di terapia intensiva neonatale presso il Northside Hospital di Atlanta.

Moseley vive in una casa di riposo nello stato americano della Georgia. Quando la casa ha aperto un programma di estensione per cucire i berretti per i neonati, non ci ha pensato due volte prima di iscriversi, anche se non lo aveva mai fatto prima nella sua vita.

"Ho chiesto a mia figlia di comprarmi un kit e lei è venuta con gli strumenti giusti per lavorare", ha detto Moseley a ABC News. "Ho seguito le istruzioni. È stato facile. Non avevo mai lavorato a maglia, ma a me sembrava abbastanza fattibile. Ne ho passati due o tre prima di avere un cappello davvero ben fatto."

Moseley ora ha realizzato più di 350 cappelli e dice di essere molto felice di essere in grado di aiutare altre persone e allo stesso tempo trovare una nuova occupazione per se stesso.

Secondo il sito web ACJ, oltre ai berretti, ha anche contribuito a creare kit di igiene personale per donne e bambini bisognosi, oltre a cappelli lavorati a maglia per coloro che glielo chiedono, senza chiedere dei soldi per questo.

Ispirati dall'atteggiamento di Moseley, molti colleghi residenti e altri membri del personale di asilo lo hanno aiutato nel suo progetto.

Per i genitori dei bambini in ospedale, l'atto di questo signore è davvero importante:

"Significa molto per noi perché questo è il nostro secondo periodo di terapia intensiva", ha detto Doug Bunt, il padre di uno dei bambini. "Abbiamo una bambina di 5 anni che ha trascorso 54 giorni lassù. È bello sapere che ci sono altre persone che stanno pensando al benessere di questi bambini, i nostri bambini. Il fatto che quest'uomo stia usando il suo tempo per aiutare i bambini significa davvero molto per noi."

Per Northside Hospital, che si prende cura di circa 2000 neonati prematuri ogni anno, ogni atteggiamento caritatevole è molto apprezzato:

"È bello ricevere questi meravigliosi regali", ha detto Linda Kelly, responsabile clinica del vivaio speciale.

"Ogni cappellino messo da un'infermiera sulla testa del bambino fa sembrare questo posto meno un ospedale e più allegro", ha continuato. "È importante che le famiglie vedano il bambino da bambino e non da paziente, e questo aiuta molto a riguardo".

Moseley è molto felice di questa grande opportunità di fare del bene ai bambini e alle loro famiglie:

"Quando qualcuno apprezza qualcosa che fai, ti fa sentire bene, ovviamente", ha detto. "Mi sono divertito molto a farlo e ora sono diventato più esperto. Sto facendo i berretti per tutti i miei nipoti: pezzi di paradiso che la vita mi ha regalato. Un messaggio dai nonni ai loro nipoti ".  

Tags
nonninomagliacucirecappellinilanabambiniprematuriterapiaintensivaviralenonninipotifamiglieparadisogenerositàaiutovolontariatoamorebene
Loading...