CuriositàCome proteggersi dall'invidia

05/02/2019 - 20h

All'inizio possiamo dire che l'invidia è voler avere ciò che l'altro ha o essere ciò che l'altro è. 

Quindi possiamo dire che l'invidia non è un sentimento, è un comportamento.

L'invidioso non è invidioso, è arrabbiato con qualcuno che è superiore a lui in qualcosa, secondo la sua percezione, poiché la sua immagine di sé è negativa, a causa della bassa autostima.

L'invidia è l'aspetto indignato di chi è danneggiato dalla vita per non possedere ricchezza, bellezza, potere, intelligenza, ecc., O anche la luce che caratterizza il proprio carisma.

Oh, e quanto invidiosa la luce che irradia! Di tutti gli "oggetti" del desiderio dell'invidia, per quanto incredibile possa sembrare, tra macchine, palazzi, corpi perfetti, stati, e così via, nulla è più invidiato della felicità naturale di una persona con un grado di evoluzione più alto, qualcosa che si può trarre: una serenità, una luce nei suoi occhi, un modo leggero di vivere, una gioia perenne che non è tutto ciò che è esterno e quindi non può sabotare, attaccare o rubare, ma potrebbe provare a rubarli attraverso il "malocchio", lo sguardo distruttivo di chi ti augura sfortuna.

Questa postura degli invidiosi genera depredazione spirituale con l'invio di carichi pesanti e vampirismo energetico.

E ci sono segni che indicati che siete invidiati, come l'energia rubata, sensazioni, anche fisiche, per esempio, una stanchezza che "viene dal nulla" e di solito viene fornito con angoscia come se fossero minacciati, un timore che non si identifica in un primo momento con cosa o chi, poiché è collegato a una minaccia che viene a te energicamente, spiritualmente. E se ti lasci scuotere, questa invidia può fare danni.

Non è abbastanza, come alcuni dicono, non credere nella forza dell'invidia così che non la disturbi, ci vuole di più. 

Cosa fare allora?

Due posture sono fondamentali per proteggersi dall'invidia: il primo è l'atteggiamento interiore, emotivo di operare la tua autostima e quindi mantenere la tua energia prendendo possesso di te stesso, devi essere onesto in modo che nessuno "Prendi un pezzo", perché una persona distrutta dall'interno nei suoi eterni dubbi è facile preda degli invidiosi.

Devi essere padrone di se stesso e una punta è da decidere, per chi vive nel dubbio è diviso in mille pezzi di energia che sono posti nelle mani di ogni persona collegata ai loro conflitti, o gettati nel "vento" per coloro che vogliono entrare in possesso.

Continua a leggere...

Prendi le tue scelte e accetta le conseguenze, e la tua energia sarà nelle tue mani!

Ma la seconda presa di posizione che aiuta molto nell'autodifesa è l'uso di energia e tecniche di autodifesa spirituale, e per coloro che pensano che questo non sia necessario dico: se proteggi il tuo corpo con i tuoi vestiti e le tue scarpe, perché non proteggere il tuo corpo enegetico con un involucro, con un "abbigliamento" energetico?

È semplice ed efficace unire queste due posizioni e offrire un benessere gratificante, perché ti senti più forte e più eccitato, di conservare più energia senza vampirismi o attacchi che ti fanno del male.

Ma ricordiamoci che c'è un altro modo di guardare alle proprie qualità, ovver l'ammirazione.

Questa non ruba energia, al contrario, è lo sguardo di un apprendista, dal quale si può anche pensare che l'altro sia superiore in qualcosa, ma accetta il suo merito, applaude la sua capacità, virtù o carisma, e persino cerca di rispecchiarsi. Questo atteggiamento di ammirazione benedice mentre l'invidia distrugge.

Così si uniscono i "pezzi" sparsi, i dubbi, sensi di colpa e paure, bisogna raccoglierli nell'anima, eliminando queste insicurezze.

E' così che arriva la felicità!

Tags
invidiaproteggersigelosiafelicit
Ads