CuriositàCosa puoi imparare dall'invidia

16/04/2019 - 12h

Se ci fermiamo a pensare, essere invidiati ci dà la falsa impressione che stiamo meglio.

In fondo, ripetere l'intricato e diretto che tu sei il bersaglio dell'invidia è come un massaggio discreto nell'ego. Peggio: è comodo dire che una cosa del genere non è stata o non è stata "perché Fulana è invidioso di me". Come se l'altra persona avesse il pieno controllo su ciò che ci accade, come se non fossimo responsabili di condurre le nostre vite.

Nessuna ipocrisia qui: credo che l'invidia degli altri lo faccia. Ognuno ha un caso di invidia da dire, tuttavia, è più difficile di questo quando gli invidiosi siamo noi.

È così semplice classificare la propria attitudine, indicare chi è invidioso, no? Ma quando quella sensazione prende il sopravvento sulle persone, nessuno vuole parlare.

La difficoltà di ammettere che siamo invidiosi, l'essere, perché siamo umani, siamo tutti soggetti a questo, e tutto ha diverse spiegazioni.

Invidia, un'emozione negativa?

L'invidia è un'emozione che porta con sé una carica molto negativa.

Non è sufficiente essere parte dei sette peccati capitali stipulati dal cattolicesimo, abbiamo appreso presto che l'invidia è una brutta sensazione e che l'invidia di qualcosa o di qualcuno è brutta.

Il pericolo è proprio questo: la polarizzazione dei sentimenti, classificandoli come "buoni" o "cattivi".

Non riconoscere che, come qualsiasi altro sentimento (rabbia, tristezza, ecc.), L'invidia ha qualcosa da insegnarci, ostacola enormemente la nostra accettazione. E accettarlo è così doloroso perché tocca le profondità di noi stessi.

Dopotutto, l'invidia non riguarda mai l'altro: riguarda noi. Ma per poterlo capire potrebbe servire del tempo.

Come fai a sapere (e ammetti) che sei geloso?

Alcuni anni fa, gli scienziati hanno scoperto che l'area del cervello guidata dalla sensazione di invidia è la stessa di quando sentiamo il dolore fisico.

La parte della corteccia dorsale anteriore del cervello si attiva rapidamente quando compare l'invidia, proprio come le strutture cerebrali associate al piacere vengono attivate anche quando vediamo la persona che invidiamo essere malate.

E questo "ammalarsi" non deve essere un desiderio crudele: tutto ciò che non va per l'altro è in grado di dare sollievo.

L'invidia è una sensazione di poca razionalità. Consideriamo il successo dell'altro come un aspetto isolato, come qualcosa di puntuale, e dimentichiamo che ogni azione di successo comporta molto lavoro e dedizione.

Attribuiamo agli altri problemi come la fortuna, i contatti, l'ereditarietà della famiglia e così via, quando la verità è che solo quella persona sa tutto quello che è successo per arrivare dove è arrivato.

Da adulti, mostriamo l'invidia attraverso commenti viziosi. Realizza: hai detto che "ha ottenuto questa promozione solo perché è vicina al capo ...", "Come può vendere così tanto è un mistero...", "Certo che frequenta sempre, si intrattiene con chiunque..." ? Se hai camminato, bingo: sei stato morso dall'animale dell'invidia.

Continua a leggere...

E la cosa più interessante è che se possiamo riconoscere quando un'altra persona è invidiosa, è perché abbiamo anche questa capacità di invidiare dentro di noi.

L'invidia appare quando ci sentiamo impotenti e dimentichiamo il nostro valore. Quando crediamo che l'altro abbia qualcosa che non abbiamo: abilità, qualità, supporto... ammettere è difficile, ma è il primo passo per affrontare questo sentimento molto controverso. Sii amorevole con te stesso, fermati e rifletti.

Identificare l'obiettivo della tua invidia.

Inizia chiedendoti che cosa stai invidiando: qualcosa di materiale? In tal caso, ciò potrebbe indicare che si ritiene che solo chi ha un'auto, una casa o un abbigliamento di marca, ad esempio, abbia ottenuto tale successo.

Se ciò che ti disturba è il tuo amico che è sempre in relazione con qualcuno mentre sei da solo per un po ', significa che c'è un modello affettivo negativo nel modo in cui vede le relazioni, o anche le proprie difficoltà nell'accettare la solitudine e stare bene con se stesso.

Nel campo professionale, se non puoi essere davvero felice di vedere il tuo collega evolversi e raggiungere gli obiettivi, probabilmente sei insoddisfatto del tuo lavoro e del modo in cui hai guidato le cose.

Sì! L'invidia ha molto da insegnarci, se siamo disposti ad aprire gli occhi.

Trasmutazione dell'invidia.

Quando capiamo che l'invidia è una richiesta di aiuto per più amore per se stessi , tutto migliora. L'invidia è un'occasione per guardarti, analizzare ciò che non è così bello e ciò che può essere migliorato.

Supponiamo: non puoi fare a meno di essere invidioso. Quello che possiamo fare è imparare come orientarlo positivamente, come ispirazione.

In modo negativo, l'invidia ci paralizza, tenendoci nell'inerzia e nella zona di conforto, mentre paragoniamo all'altro rotolo sciolto. Se usato per il bene, ci permette di lottare più duramente, di voler crescere, di avere forza e di valutare le nostre qualità, senza dimenticare ciò che già abbiamo.

Credi: sei abbastanza bravo e puoi sognare in grande. Sei venuto al mondo con abilità uniche e sei un essere pieno di potenzialità, capace di cambiare la realtà intorno a te.

Per trasmettere l'invidia di volta in volta, vederla come un invito a investire di più in te. Per fare di più per te. L'invidia è una chiamata all'azione.

Pertanto, la prossima volta che questa sensazione ti invade, non reprimerla. Non commettere errori, non ignorare, non fingere di non sentirla: accetta l'invito, prendi l'invidia per mano e goditi questa possibilità di approfondire la conoscenza di te stesso.

Tags
invidiaimpararepersoneinvidiose
Ads