Curiosità"Imperfezioni perfette": abbandonata da piccola, perché albina, adolescente diventa una modella di Vogue

14/05/2021 - 12h

In alcune comunità, la cultura è un altro fattore che peggiora le relazioni sociali di persone considerate diverse. In Cina, ad esempio, l'albinismo è visto, in alcuni luoghi, come una sorta di maledizione, che aiuta i bambini nati in quel modo ad essere abbandonati negli orfanotrofi.

È il caso di Xueli Abbing, un'adolescente di 16 anni, abbandonata da piccola perché albina, condizione genetica in cui l'individuo ha un'assenza parziale o totale dell'enzima tirosinasi, e rende pelle e capelli estremamente leggero. In un servizio per la BBC, la giovane donna dice che, all'orfanotrofio, si chiamava Xue Li, che significa "neve" e "bella".

All'epoca in cui è nata, c'era una politica del figlio unico in Cina, che imponeva il controllo delle nascite forzato alla popolazione, con un impatto sui bambini nati con qualche tipo di differenza o disabilità.

I nati con albinismo sono stati abbandonati negli orfanotrofi, come Xueli, altri sono stati rinchiusi in casa o si sono tinti di nero i capelli. Nessuna informazione è stata lasciata alla ragazza quando è stata abbandonata, nemmeno la sua data di nascita. Ha dovuto fare una radiografia dall'arcata dentale per stimare la sua età.

A 11 anni, per caso, ha iniziato la sua carriera di modella. Una designer, un'amica di sua madre, ha deciso che avrebbe disegnato abiti molto eleganti per suo figlio, che aveva un labbro leporino, in modo che le persone iniziassero a guardare qualcosa di diverso dal suo viso. La donna, di Hong Kong, ha definito la sua campagna "imperfezioni perfette" e ha chiamato Xueli a partecipare alla parata.

La sfilata ha aperto le porte alla giovane donna, chiamata per alcuni servizi fotografici con importanti nomi della moda, oltre ad essere stata contattata dall'agenzia di modelle Zebedee Talent, che l'ha chiamata a far parte del team, con l'importante missione di rappresentare persone con disabilità nel settore. Nel 2019 è uscita una sua immagine su Vogue Italia, qualcosa di cui non capiva nemmeno la dimensione.

Xueli dice che nella moda essere diversi è una benedizione, non una maledizione, e questo aumenta la visibilità e la consapevolezza dell'agenda dell'albinismo. La giovane donna dice che purtroppo la maggior parte delle volte quando gli albini sono chiamati a partecipare a campagne, ritraggono angeli o fantasmi, il che rafforza gli stereotipi che possono danneggiare la vita dei bambini con la stessa condizione in alcuni paesi.

Continua a leggere...

Poiché la produzione di melanina è ridotta, in alcuni casi, come quello di Xueli, anche la vista è compromessa. Rivela di avere solo dall'8% al 10% di acuità visiva, oltre alla fotosensibilità, che modifica il suo lavoro in studio fotografico.

Alcuni professionisti spiegano che, per non vedere, di solito si occupa di dettagli che quasi nessuno osserva, oltre ad avere una visione della bellezza completamente diversa da quella tradizionale.

Il suo lavoro con la moda è uno dei modi in cui Xueli dà consigli sull'albinismo. La giovane donna vuole cambiare il mondo e non accetta che i bambini con le stesse condizioni vengano semplicemente assassinati in diverse parti del mondo. Vuole anche avere un impatto con il suo lavoro, sensibilizzando sempre più persone all'albinismo.

Cosa ne pensi di questo caso?

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

Tags
curiositàdisabilitàdifferenzaalbinamodellavogueabbandonatabellezza
Ads