PensieriIn tempi bui, ecco cosa imparare dalle ferite narcisistiche

19/01/2019 - 17h

Quando Charles Darwin si imbarcò nel dicembre del 1831, sulla nave Beagle, pieno di voglia di studiare, sarebbe stato difficile immaginare quando sarebbe tornato, portando con sè una nuova rivoluzione: tutti gli esseri viventi sono discendenti dai loro antenati di una vita passata. 

Nel febbraio 1832, la nave Beagle arrivò a Bahia, da allora vennero le scoperte che incantarono il giovane scienziato. Ma Darwin scrisse la sua delusione nel passare attraverso il Brasile, e non dimenticò mai la crudeltà che vide contro gli schiavi.

Nella teoria evolutiva di Darwin l'umanità non è al centro dell'evoluzione, eppure fa parte di essa come qualsiasi altra specie. 

Ha affermato che l'ambiente ha avuto un'influenza sulla specie, nella quale i più forti sono sopravvissuti e si sono evoluti fino a diventare quello che sono oggi. Questa teoria indica che gli umani non discendono dalle scimmie, ma dagli antenati che hanno dato origine alla razza umana e ad altri primitivi.

D'altra parte, la teoria creazionista dice che tutto ciò che esiste nel mondo sarebbe la creazione divina. Il libro adottato dai creazionisti è la Bibbia, che dice in Genesi l'origine dell'universo, la terra e tutti gli esseri viventi che la abitana dalla creazione di Dio.

Inoltre, le religioni non monoteiste hanno le loro versioni del creazionismo, secondo i miti di ogni popolo. Per esempio, i Greci credevano che gli uomini e la terra fossero opere dei Titani, proprio come la mitologia cinese descrive la creazione del mondo attraverso la dea Nu Wa.

Nel ventesimo secolo, i fondamentalisti hanno iniziato a sostenere che l'unica verità è la creazione soprannaturale descritta nella Bibbia, che confuta l'evoluzionismo. Sono attivi negli Stati Uniti e in Brasile, dove cercano di imporre l'insegnamento di questa teoria nelle scuole.

C'è un aneddoto, con cui cinque ebrei hanno cambiato il mondo. 

Il pioniere fu Mosè quando disse:

Tutto è la legge poi è venuto Gesù e disse, tutto è amore, Marx ha detto, è la capitale, Freud ha analizzato: è la libido e Einstein definì: Tutto è relativo.

Fu tuttavia Freud a capire che l'umanità soffrì tre ferite narcisistiche: la prima fu quando Copernico dimostrò che la terra non era il centro dell'universo, la seconda in cui Darwin diede luce allo sviluppo delle specie, indicando che l'origine dell'uomo proviene dal regno animale

La terza era la scoperta di Freud che la coscienza non è il centro della ragione umana, ma ha un effetto infinito sull'inconscio di cui non percepisce esso stesso. Tuttavia, la chiesa impiegò 500 anni per mettere in discussione la seconda ferita narcisistica: la teoria evolutiva. Potrebbero volerci altri cento anni per dire che la coscienza non è il nucleo della ragione umana.

Di fatto, Freud ha dato il colpo finale, che sentiamo ancora oggi, che non siamo padroni di noi stessi, poiché la coscienza è la parte più piccola della nostra vita psichica. Quindi non vi è alcun motivo per confutare l'evoluzionismo, così come negare l'importanza antologica del creazionismo.

È bello pensare che niente e nessuno è eterno, poiché abbiamo un preciso termine di permanenza sulla terra, una ferita narcisistica che non potrà mai guarire.

Tuttavia, la stessa stupidità di coloro che hanno ricevuto Darwin quando era in Brasile si sta ripetendo, nei nostri tempi bui: la follia dei terrapiattisti, la follia degli antivaccinisti, nel delirio di coloro che non credono che l'uomo è andato sulla luna in asnice coloro che negano le teorie di Marx, Freud, Einstein e l'illusione di coloro che credono che solo loro sono gli eredi di Mosè e quelli che saranno salvati da Gesù.

Condividi l'articolo con i tuoi amici e lascia un mi piace!

Tags
darwintempibuitempomondoscoperteimpararenarcisismo
Loading...