CuriositàL'esaurimento emotivo è molto peggiore dell'esaurimento fisico

04/01/2019 - 20h

È più facile riposare un corpo dolorante che calmare un'anima esausta.

La vita non è mai stata facile, ma sembra che le cose siano peggiorate di recente. Ci sono più persone, più posti, più storie che devono essere vissuti insieme, ma le relazioni diventano sempre più fragili. C'è più stress, più ore di lavoro e questo finisce per esaurire le energie di tutti.

La vita moderna ci costringe a trascorrere gran parte del nostro tempo lavorando. Secondo il punto di vista prevalente, sempre più gente si consuma, diventa necessario un consumismo sfrenato, in modo che ci vedano come qualcuno che esiste di fatto. Insieme al consumismo, cammina la valorizzazione delle apparenze, dell'ostentazione delle griffe, dei soldi e dei denti bianchi. Ci sono soldi per poter lapidare il corpo, a immagine e somiglianza dello stereotipo mediatico della perfezione.

Diventiamo così preoccupati di ciò che è là fuori che ci dimentichiamo di ascoltare il ritmo della nostra anima, del nostro cuore.

La ricerca frenetica di esterni fiabeschi ci rende incuranti dei sentimenti, con l'essenza, con tutto ciò che vale davvero. Dobbiamo essere belli, magri, felici e avere uno stipendio pomposo. Dobbiamo ingoiare il pianto, perché la debolezza è brutta. Dobbiamo essere forti tutto il tempo, ma è impossibile, cioè, tutti noi soffriamo. In silenzio.

Continua a leggere...

È quindi necessario fermarsi, soffermarsi, ascoltare il silenzio , perché è così che possiamo prestare attenzione a noi stessi. È necessario essere attenti ai segni che il nostro corpo invia, a volte in modo molto discreto, in modo che il volume delle pendenze emotive non cresca e soffochi la nostra forza, le nostre speranze, la nostra fede. È necessario prestare attenzione ai dolori del corpo, sì, ma senza trascurare i dolori della nostra anima.

L'esaurimento emotivo è più opprimente dell'esaurimento fisico, perché la maggior parte delle volte ci vergogniamo di ammettere che non realizzeremo, che non ci stiamo aggrappando, che siamo deboli.

Ci vergogniamo spesso di piangere. Ma non dovremmo, non possiamo. 

Come puoi vedere, è più facile riposare un corpo dolorante che calmare un'anima esausta.

Tags
esaurimentoemotivopeggioreesaurimentofisicostanchezzafisicaanimamentecuore
Loading...