Pensieri"L'umiltà non ti rende più piccolo di chiunque altro, ma ti rende migliore di molti"

17/09/2018 - 12h

Ma questi sono tempi di vanità e questo non è un comportamento che hanno tutte le persone, sfortunatamente.

Ammettere che uno non sa qualcosa, chiedere aiuto nello svolgimento di un compito, affidarsi all'esperienza di qualcun altro sono atteggiamenti verso persone forti che hanno una personalità ben formata e non hanno paura di mostrare le proprie carenze o vulnerabilità.

L'insegnamento cristiano è chiaro nel sottolineare che l'umiltà deve essere coltivata e mantenuta intatta, anche se la vanità cerca di affermare il suo posto.

La frase "Chi si esalta sarà umiliato" è uno dei punti più alti della filosofia cristiana, sebbene questo concetto possa essere applicato in tutte le filosofie della vita. 

Mostra il sentiero dubbio che è optare per vanità e orgoglio. Anche se questo dà uno status di benvoluto e ottenebrato da alcuni, non sempre regge. È più costruttivo assumere una postura di umiltà che assumererne una superiorità e, in un momento di bisogno, non riuscire a mantenerla.

Inoltre, è scomodo vivere con qualcuno che pensa di essere troppo, chi pensa di sapere tutto, chi ha sempre ragione, padrone di se stesso e riluttante a rinunciare.

Il Mahatma Gandhi ha detto che "il denaro fa uomini ricchi, la conoscenza rende gli uomini saggi e l'umiltà rende grandi uomini".

All'interno del concetto di umiltà c'è la consapevolezza che la vita finisce per tutte le persone, che ognuno merita un posto sotto il sole e che il successo personale è relativo e fatto solo di momenti.

Una persona umile, infatti, ha sempre in mente che la vita è una ruota panoramica e si prepara a tutte le ascensioni e discese, trattando tutti allo stesso modo e cogliendo ogni opportunità per assorbire un po' di apprendimento. Inoltre, non utilizza titoli, prestigio sociale o privilegi che potrebbe aver raggiunto.

L'umiltà non soffre di crisi di identità, non usa la superiorità o l'arroganza. Resta lontano dagli applausi e riconosce tutti i suoi limiti.

Felice è colui che si unisce a lei, perché avrà l'opportunità di vivere una vita più felice e più libera, senza sentire l'obbligo di dimostrare nulla a nessuno.

Un individuo che comprende i benefici del vivere in umiltà accetta prontamente che a un certo punto della sua vita avrà bisogno di aiuto e non soffrirà così tanto. Questa accettazione crea pace e una vita più tranquilla.

Non c'è bisogno di sentirsi un supereroe o sfuggire alle debolezze che tutti hanno. Contrariamente a ciò che potrebbe sembrare, questa accettazione è un segno di forza e può evitare scossoni nella struttura emotiva di coloro che si riconoscono come limitati.

Secondo Mario Sergio Cortella, "i veri grandi personaggi sanno che sono piccoli e quindi vogliono crescere. Molto poca gente pensa di essere già grande e l'unico modo che hanno di crescere è mettere gli altri in basso."

La saggezza è riconoscere che l'umiltà non rende nessuno più piccolo, ma può rendere una persona migliore di molti, anche se essere umili è il suo unico scopo.

Tags
saggezzaumiltápensierogandhisaggezzapersonegrandipiccoleuominicresceregenteforzapensieroemozionisocialisegniscossonicrescitapersonale
CONSIGLIATI