CuriositàLa generazione "fiocco di neve", persone che si offendono per tutto

15/08/2018 - 17h

Quando immaginiamo un fiocco di neve, lo associamo alla bellezza e all'unicità, ma anche alla sua enorme vulnerabilità e fragilità.

Queste sono solo due delle caratteristiche che definiscono le persone che hanno raggiunto l'età adulta nei primi anni del 2010. Si afferma che la generazione "fiocco di neve" è formata da persone estremamente sensibili alle opinioni che sfidano la loro visione del mondo e rispondono con un'eccessiva suscettibilità a disturbi minori, con scarsa capacità di recupero.

La voce di allarme, per così dire, è stata data da alcuni docenti di università come Tale, Oxford, Cambridge, che hanno notato come la nuova generazione di studenti che frequentano le lezioni sia particolarmente suscettibile, non tollerante alla frustrazione ed inclini a fare una tempesta in un bicchiere d'acqua.

Dicono che i bambini crescano più simili allo standard della loro generazione che ai loro genitori. Indubbiamente, per capire la propria personalità e il proprio comportamento, è impossibile astrarre dal rapporto che si stabilisce con i genitori durante l'infanzia e l'adolescenza, ma è anche vero che i modelli e le aspettative sociali giocano un ruolo importante nello stile educativo e formano alcuni tratti della personalità.

In breve, possiamo dire che la società è la terra in cui il seme è piantato e cresciuto e i genitori sono i giardinieri che sono responsabili di farlo crescere.

Questo non significa che tutte le persone di una generazione rispondano allo stesso schema, fortunatamente ci sono sempre differenze individuali. 

Tuttavia, non si può negare che le diverse generazioni hanno obiettivi, sogni e forme di comportamento che sono il risultato delle circostanze in cui hanno dovuto vivere e in alcuni casi diventano inimmaginabili in altre generazioni.

3 errori che hanno creato la generazione "fiocco di neve"

Continua a leggere...

- Iperprotezione

- Egocentrismo

- Insicurezza

Qual è il risultato?

Il risultato di uno stile di parentela iperprotettivo, che vede il pericolo ovunque e promuove un'idea esagerata di "io", è una persona che non ha le capacità necessarie per affrontare il mondo reale.

Queste persone non hanno sviluppato abbastanza distanza alla frustrazione, quindi il minimo ostacolo li scoraggia. Non sanno come affrontare le emozioni negative che certe situazioni sollevano.

Di conseguenza, diventano più rigidi, si sentono offesi da opinioni diverse e preferiscono creare "spazi sicuri" in cui tutto corrisponda alle loro aspettative. Queste persone sono ipersensibili alle critiche e, in generale, a tutte le cose che non rientrano nella loro visione del mondo.

Il discorso è anche che queste persone sono molto più vulnerabili allo sviluppo di disturbi psicologici, allo stress post-traumatico, all'ansia e alla depressione. In effetti, non è strano che il numero di disturbi dell'umore aumenti di anno in anno.

Tags
emozionegenerazionefiocconevesensibilifragilidisturbi
Ads