CuriositàPerché abbiamo l'impressione che il tempo passi più velocemente man mano che invecchiamo?

17/11/2018 - 02h

E' difficile separare la realtà oggettiva dal tempo a partire dalla nostra percezione soggettiva e umana. In questo modo, si può dire che la percezione personale del tempo è una delle domande più intriganti del cervello, e la comprensione di questo meccanismo mostra che forse una delle uniche cose giuste sulla vita può essere in realtà molto incerta.

La definizione:

Il tempo è un argomento di grande interesse ed è stato studiato per secoli da diverse aree di conoscenza, come la filosofia e la scienza. In una definizione semplice e oggettiva, il tempo non è altro che il periodo che separa due punti usati come base per la classificazione di un evento. Può essere misurato in secondi, minuti, giorni, ore, mesi, anni, decenni, ecc.

In termini pratici, il tempo passa oggettivamente, cioè, un secondo è sempre un secondo. Il mondo, tuttavia, è ciò che percepiamo, e sicuramente il nostro cervello percepisce alcuni secondi molto più a lungo di altri. Questo perché la nostra percezione di questo tempo è relativa e quindi non varia solo da specie a specie, ma anche tra individui.

Diverse ricerche sono state condotte per spiegare questa percezione. 

Qual è la ragione per cui alcuni giorni sembrano durare un'eternità mentre altri momenti sono più brevi? Alcuni studi affermano, ad esempio: a causa delle peculiarità della percezione umana, il tempo passa più velocemente con l'età.

Perché la percezione del tempo è soggettiva?

Per lo psicologo Claudia Hammond, autore di Tempo Warped: 

Sbloccare i misteri del tempo percezioni, il passaggio sistema cerebrale del tempo della registrazione considera diversi fattori come le emozioni, le aspettative, come i compiti richiesti in quel momento e anche i sensi. Inoltre, egli propone che comprendere come la mente percepisce il tempo ci renderebbe capaci di manipolarlo.

Lo psicologo spiega inoltre che la ragione per cui alcuni momenti della vita sembrano particolarmente lunghi rispetto ad altri è che durante quei periodi il soggetto è stato probabilmente esposto a molte nuove esperienze. Il suo cervello, a sua volta, percepisce gli episodi finali come più duraturi.

Continua a leggere...

Invecchiando, abbiamo l'impressione che il tempo sembri andare più veloce. Il mondo che percepiamo è il frutto di come i nostri sensi interpretano questo mondo. Quando l'informazione ricevuta dal cervello è familiare, la sua elaborazione avviene molto rapidamente. D'altra parte, nuove informazioni e stimoli vengono elaborati più lentamente e generano il senso del tempo allungato. Quando riceviamo un flusso molto grande di nuove informazioni, il cervello impiega del tempo per elaborarle. Più tempo ci vuole, più tempo sembrerà passare.

Il "problema" è la routine:

Ecco perché i tempi pieni di routine sembrano "volare", mentre i momenti di stress o emozioni intense no. Con il passare degli anni, la tendenza è di fare meno cose nuove. L'infanzia e l'adolescenza sembrano durare molto più a lungo. Secondo recenti teorie psicologiche, il principale responsabile dell'accelerazione delle nostre vite in questo modo è la routine.

Ma è importante sottolineare che ci sono altri fattori legati al passaggio più veloce del tempo con l'invecchiamento. Durante questo processo, l'individuo è soggetto a cambiamenti nella produzione di sostanze che controllano l'orologio interno e il metabolismo, il che può anche portare alla percezione che il tempo passi più velocemente.

Impara di più vivendo meglio i momenti?

Alcuni scienziati, come Claudia Hammond e altri studiosi della materia e come il neurologo americano David Eagleman propongono che sia possibile manipolare il tempo e farlo rallentare. Per questo, è necessario creare nuovi record nel cervello, ricordi più ricchi. Le attività non devono necessariamente essere nuove cose. Anche lo sguardo diverso su ciò che si è già abituato a fare può avere lo stesso effetto. È fondamentale, in questo modo, cercare maggiori dettagli e "forzare" il cervello a lasciare la sua zona di comfort. I nuovi ricordi distorcono la percezione del tempo. Altre attività come la meditazione possono aiutare, poiché costringono il cervello a osservare le sensazioni comuni con più attenzione.

È quindi necessario uscire dal solco e dare al cervello un flusso costante di nuove informazioni. Incontra nuovi posti, nuove persone, sii spontaneo e impara nuovi apprendimenti.

Tags
tempoinvecchiarepassarevelocementecervelloroutineemozionistressinfanziaadolescenza
Loading...