CuriositàStupido, grasso, incapace: perché abbiamo bisogno di etichettare le persone?

08/03/2019 - 12h

Una risposta ragionevole sarebbe che l'etichettatura è necessaria per la comunicazione. Abbiamo bisogno di categorizzare le persone in gruppi e di conseguenza costruire le nostre relazioni con loro.

Questo ci aiuta ad avvicinarci e a entrare in contatto con persone che sono simili a noi, e allo stesso tempo allontanarci da persone che non ci soddisfano. Ma oltre a questo, spesso mettiamo le etichette senza la necessità di mettere le persone in un gruppo, che le riguarda più di quanto pensiamo.

Stupido, grasso, incapace: perché abbiamo bisogno di etichettare le persone?

Le etichette sono estremamente individuali.

Quello che può sembrare stupido per un uomo, per un altro può essere brutto. Per qualcuno bello è la persona con i denti impeccabili, per un altro che ha coraggiosamente mantenuto in forma il suo corpo. Anche quando diciamo che qualcuno è testardo, potremmo pensare alla sua invincibile persistenza, mentre altri useranno la stessa parola per descrivere una caratteristica negativa. Quando inseriamo etichette sulle persone per descriverle, in realtà stiamo solo descrivendo la nostra percezione di quelle persone. 

Le etichette sono aggiornate.

Nessuno di noi è immune al cambiamento. Ogni giorno, cambiamo a poco a poco. Cresciamo, maturiamo, sbagliamo e sprofondiamo nella disperazione prima di risorgere. In quel processo, ciò che siamo oggi, domani non lo saremo più, e tra un anno potremmo asserlo di nuovo. Questo vale sia per le caratteristiche interne che per l'aspetto esteriore. Potremmo non essere in grado di aggiungere un'altezza, ma possiamo perdere peso, aumentare il peso e adattarci. Non possiamo nemmeno cambiare il nostro carattere dalla radice, ma possiamo agire sul nostro comportamento. Se oggi siamo immotivati, pigri o infruttuosi, domani saremo persistenti, diligenti e di successo. Perché allora dovremmo definire le persone con parole che descrivono solo alcuni stati o caratteristiche attuali? Riceviamo dei veri benefici da questo?

Continua a leggere...

Le etichette mettono le persone in scatole.

Le etichette descrivono solo una parte della persona, che può essere istantanea, eccessivamente enfatizzata e soggettiva. Quando sono cresciuto, tra gli adolescenti c'era una normale divisione di krems e rocker. Definiscono automaticamente il modo in cui ti vesti, quale musica senti, dove esci e se sei cool o sei un estraneo. Normalmente, non puoi associarti con nessuno dall'altra parte semplicemente perché appartieni a due mondi diversi. Queste ipotesi ci impediscono di conoscere veramente la personalità, e di conseguenza portano a pregiudizi e visioni limitate.

Donna, madre, moglie, figlia, imprenditore, editore, editorialista, collega, amico ecc...

Ci sono così tante etichette che mi descrivono. Voglio che le persone mi definiscano con etichette forti e durevoli e che non dimentichino che sono tutte una piccola percentuale di ciò che sono. L'unica etichetta che accetto è il mio nome. Sono me stesso e sono al 100% solo umano. Solo perché qualcun altro è un editor dei media non significa che stiamo facendo la stessa politica editoriale, solo perché siamo amici, non significa che dobbiamo vestirci allo stesso modo, solo perché sei una madre non significa che saremo d'accordo riguardo ai nostri figli. Possiamo essere una grande compagnia con persone che sono in qualche modo diverse da noi, che hanno un altro orientamento sessuale, opinioni politiche diverse, appartengono ad un'altra religione o comunità etnica.

Cosa ne pensi? Lascia la tua opinione qui sotto e condividi l'articolo con i tuoi amici!

Tags
stupidograssoincapacepersonaetichettare
Ads