CuriositàVuoi essere molto più felice? La scienza ti raccomanda di fare sempre queste 8 cose

11/05/2018 - 14h

Tutti noi vogliamo essere più felici e provare un maggior senso di soddisfazione.

E' per questo motivo che scrivo spesso su cosa fanno con più frequenza le persone felici, su alcune abitudini di persone incredibilmente felici, su cose che dovresti smettere di fare per essere più felicea lavoro, sulle semplici abitudini quotidiane di persone eccezionalmente felici.

Recentemente ho scritto sulle difficili scelte che le persone prendono per esere più felici, soprattutto a lungo termine.

Anche Kevan Lee, direttore di marketing della Buffer, scrive molto sulla felicità.

Ecco Kevan: 

"Nella Buffer, noi amiamo la felicità. Abbiamo rinominato la soddisfazione del cliente con la felicità del cliente. La felicità è inquadrata nella nostra cultura e nei nostri valori, nel DNA di ogni persona che lavora nella squadra. Se c'è un sorriso o una prospettiva positiva, faremo del nostro meglio per trovarli."

Così ho pensato: esistono modi inaspettati per essere felici?

Ho fatto delle ricerche sui modi inaspettati e controintuitivi di trovare la felicità: Dai un'occhiata:

1. Impara qualcosa di nuovo anche se è stressante: dominare una nuova abilità significa più stress ora, ma più felicità dopo.

Se sei disposto a sopportare un po' di stress per poco tempo, potrai sperimentare enormi guadagni di felicità a lungo termine.

Quindi, impara una nuova abilità. Sebbene tu abbia un po' più di stress, la ricerca dimostra che sarai più felice ogni ora, ogni giorno e così via nel passare del tempo.

I guadagni derivanti da questo investimento in termini di tempo ed energia sono stati documentati in uno studio del 2009 pubblicato sul Journal of Happiness Studies.

I partecipanti che hanno trascorso del tempo nelle attività che hanno aumentato le loro competenze, sono riusciti a soddisfare il loro bisogno di autonomia e li hanno aiutati a connettersi con altre persone, hanno riferito che la felicità diminuisce in quel momento e poi c'è stato l'aumento in ogni ora quotidianamente.

Il segreto, secondo gli studi, è scegliere una nuova abilità giusta per te da dominare, la sfida da affrontare o l'opportunità di uscire dalla tua zona di comfort.

I maggiori aumenti di felicità provengono dall'imparare un'abilità che si sceglie, piuttosto che con una che ti viene imposta o ti senti costretto a imparare.

2. Fai amicizia con persone che vivono vicino a te: la miglior cosa è un amico felice che vive a un miglio di distanza.

La città di Framingham, nel Massachusetts, era al centro di uno studio multigenerazionale sulla felicità noto come Framingham Heart Study.

Dal 1948, le richerche monitorarono tre generazioni di residenti a Framingham e i loro figli per scoprire le tendenze e il modo in cui la felicità si sposta tra la popolazione.

Alcuni degli argomenti: - La felicità individuale attraversa gruppi di persone a cascata, come il contagio. - Più persone felici aggiungi alla tua vita, maggiore sarà l'effetto positivo su di te. - Gli amici geograficamente vicini hanno il maggiore effetto sulla tua felicità. Così i ricercatori hanno svelato l'effetto della felicità con base sulla relazione di un partecipante con gli altri e della loro vicinanza l'uno con l'altro. Cosa hanno scoperto?

Ecco la classifica, dal più grande al più piccolo impatto sulla felicità:

1. Amici stretti che vivono vicino (che letteralmente sono esplosi nella classifica, con la probabilità di aumento della felicità del 148%)

2. Il vicino di casa

3. Amico prossimo (una persona che il partecipante ha dichiarato come amico, ma "l'amico" non ricambia quell'ettichetta)

4. Collega (una persona che il partecipante non l'ha nominato come amico, ma lui afferma essere amico del partecipante)

5. Fratello prossimo

6. Coniuge convivente

7. Fratello lontano

8. Coniuge non convivente

9. Vicino dello stesso quartiere

10. Amico distante

La vicinanza degli amici che vivono vicino, secondo lo studio, includeva coloro che vivono a un chilometro dal partecipante. Gli altri fanno parte della categoria di "amici lontani".

L'argomento principale: Va bene avere amici lontani, ma più i tuoi amici vivono vicino a te, meglio è.

3. Abbraccia sentimenti opposti allo stesso tempo: allegro + depresso = felice

"Riconoscere la complessità della vita può essere un percorso particolarmente fruttuoso per il benessere psicologico", secondo lo psicologo Jonathan Adler della Franklin W. Olin School of Engineering.

Lui pensa che la felicità può venire dalpercepire e abbracciare un ampio spettro di emozioni- buone e cattive.

Adler e il suo collega Hal Hershfield hanno realizzato uno studio sulla cosiddetta esperienza emozionale mista e su come si comporta col benessere positivo psicologico. Hanno monitorato i partecipanti sottoposti a 12 sessioni di terapia settimanali completando alcuni questionari prima di ogni sessione. I risultati: sentirsi felice e abbattuto allo stesso tempo era un precursore per migliorare il benessere nelle sessioni seguenti. Ad esempio, qualcuno potrebbe dire: "Sono triste per le recenti perdite della mia vita, ma sono anche felice e incoraggiato a superarle per riuscire ad avere un risultato positivo". Secondo Adler, "mettere insieme cose buone e cose cattive può disintossicare le brutte esperienze, permettendoti di dare loro un senso facendo in modo di riuscire a sopportare il tuo benessere psicologico".

Hershfield ha proseguito con un altro studio sulle emozioni miste e sulla salute. Dopo aver studiato i partecipanti per un periodo di 10 anni, lui e il suo gruppo hanno trovato una correlazione diretta tra l'accettazione del mix di emozioni (come "mettere insieme il bene e il male") ed avere una salute fisica sana.

Non sei ancora molto convinto? Uno studio del 2012 condotto dalla psicologa Shannon Sauer-Zavala dell'Università di Boston ha scoperto che la pienezza ha aiutato i partecipanti a superarei disturbi d'ansia accettando la loro vasta gamma di sentimenti e quindi lavorando per il proprio miglioramento. Quindi non ignorare i sentimenti negativi.  Abbracciali e poi lavoraci sopra per superare tutti i problemi che devi affrontare.  

4. Investi sui buoni consigli: la terapia è 32 volte più efficace del denaro.

Il denaro può comprare la felicità?

Non secondola ricerca dello psicologo Chris Boyce, non come una sessione di consulenza regolare.

Boyce e i suoi colleghi hanno confrontato i dati di migliaia di rapporti sul benessere e hanno osservato come il benessere cambiava a causa della terapia o a causa di improvvisi aumenti di reddito, come ricevere un aumento di stipendio o vincere alla lotteria.

Fondamentalmente, siamo più felici mentre paghiamo la terapia o mentre riceviamo soldi?

I risultati sono stati incredibilmente sbilanciati:

La terapia era 32 volte più efficace del denaro. $ 1300 in terapia equivalevano al beneficio di un aumento di $ 40.000. Lo studio certamente evidenzia il valore della consulenza e mostra anche il beneficio complessivo di esperienze intangibili, relazioni e comunicazioni su beni, cose e denaro. Se stai cercando la felicità, non aver mai paura di chiederti se la stai cercando nei posti giusti.  

5. Dì "no" a quasi tutto. Meglio ancora, dì "io no".

Secondo Warren Buffett, "La differenza tra persone di successo e persone di grandi successi è che le persone di grandi successi dicono "no" a quasi tutto". Il sovraccarico è una ricetta per l'infelicità. Quindi, se vuoi essere felice, ottieni qualche vittoria rapida dicendo di no. Ma devi dirlo nel modo giusto: dì "Io no". Che ci crediate o no, usare la frase "Io no" è fino a otto volte più efficace del dire "Non posso". E più del doppio di un semplice "no". Il Journal of Consumer Research ha pubblicato diversi studi su questa differenza di terminologia. Uno studio ha suddiviso i partecipanti in tre gruppi: Il gruppo 1 è stato informato che ogni volta che si sentivano tentati in fallire nei loro obiettivi, dovevano semplicemente dire di "no".

Questo gruppo era il gruppo di controllo perché non hanno ricevuto alcuna strategia specifica. Il gruppo 2 è stato informato che ogni volta che si sentivano tentati in fallire nei loro obiettivi, dovevano implementare la strategia "non posso". Ad esempio, "Non posso perdere il mio allenamento oggi." Il gruppo 3 è stato informato che ogni volta che si sentivano tentati di fallire nei loro obiettivi, dovevano implementare la strategia "Io no". Ad esempio, "Io non perdo la pratica".

E i risultati: Il gruppo 1 ("basta dire no") ha permesso a tre membri su dieci di raggiungere i propri obiettivi per tutti i 10 giorni. Il gruppo 2 ("Non posso") ha consentito a un membro su 10 di raggiungere il proprio obiettivo per tutti i 10 giorni. Il gruppo 3 ("Io no") ha avuto un incredibile aumento di 8 membri su 10 che hanno raggiunto i loro obiettivi per tutti i 10 giorni. I risultati di questo studio creano un ottimo modello su come dire di no.  

6. Prepararati al peggio, aspettati il meglio: prendete la strategia samurai per la felicità.

I guerrieri samurai avevano due elementi essenziali per il miglior rendimento: facevano allenamenti estremi e molto duri e si preparavano sempre al peggio.

L'ultimo elemento, la cosiddetta "visualizzazione negativa", ha le sue radici nello stoicismo. Oliver Burkeman ha scritto un libro sulla felicità controintuitiva, incluse alcune sezioni su questa idea del pensiero stoico.

In un'intervista con lo scrittore Eric Barker, Burkeman ha spiegato:

È quello che gli stoici chiamano "premeditazione", ovvero che in realtà c'è molta tranquillità di guadagnarci solamente pensando attentamente, in dettaglio e consapevolmente su come le cose potrebbero andare storte.

Nella maggior parte delle situazioni, scoprirai che la tua ansia o le tue paure riguardo a queste situazioni sono state esagerate.

Un altro vantaggio della visualizzazione è cheti senti più controlloquando hai un piano che potrebbe avere vari risultati. I Navy SEAL si sottopongono ad un allenamento psicologico in modo che possano sempre sentire il controllo.

E secondo la neuroscienza, il cervello può continuare a funzionare normalmente, purché manteniamo l'illusione del controllo (attraverso l'allenamento e la visualizzazione).

7. Rinuncia alle tue cose preferite: solo per un giorno o due, non per sempre.

Ecco l'essenza di un'idea di Eric Barker, autore del blog Barking Up the Wrong Tree: "Negare qualcosa a te stesso, ti fa apprezzare le cose che sottovaluti."

Gli elementi scientifici in gioco sono l'autocontrollo e la forza di volontà.

I ricercatori che hanno condotto una revisione di 83 studi di autogestione hanno concluso che la forza di volontà diminuisce col passare dei giorni, ma è possibile addestrare la forza di volontà allo stesso modo che con un muscolo.

Riassumendo: l'esercizio dell'autocontrollo porta a un maggiore autocontrollo nel tempo. Il professore di Harvard, Michael Norton, ha un'ottima maniera di pensare su tutto ciò: "L'idea è che tu riesca a dire di no alle cose che realmente ti piacciono. Quindi, se tutti i giorni ami bere lo stesso caffè, non berlo per qualche giorno, dopo che lo aspetti con ansia, nel momento in cui lo berrai nuovamente, sarà molto più incredibile di tutti quelli che hai bevuto fino ad ora.

Il problema è che in quel giorno, sarebbe meglio prendere un caffè piuttosto che non prenderlo, ma se aspetti almeno tre giorni e non lo prendi, sarà molto meglio quando finalmente lo prenderai. " Interrompere il nostro consumo è gratuito. In effetti, risparmi denaro ed estrai più felicità dai soldi che spendi. È il migliore dei mondi, ma non siamo assolutamente in grado di farlo, perché vogliamo sempre vedere quella cosa o mangiarla in quel determinato momento.

Non significa "arrendersi per sempre". Significa "rinunciare per brevi periodi di tempo, e prometto che lo amerai ancora di più quando lo riavrai." Pensa al caffè quotidiano, alla maratona Netflix, ai giochi per iPhone, ecc. Troverai più felicità praticando la pazienza con le cose che ami.  

8. Festeggia i tuoi punti di forza e riconosci tutti i tuoi punti deboli: concediti il permesso di essere te stesso.

Hai già sentito la vecchia frase: "Puoi essere tutto ciò che vuoi essere". Tom Rath la mette un po' diversamente: "Puoi essere molto più di quello che già sei."

"Quando siamo in grado di mettere la maggior parte delle nostre energie sullo sviluppo dei nostri talenti naturali, esiste uno spazio straordinario per la crescita".

Lo psicologo Paul Pearsall lo chiama "apertamento" (termine coniato dal contrario di "chiusura"). Pearsall dice che dobbiamo abbracciare le nostre imperfezioni e celebrare i nostri punti di forza.

La ricerca mostra anche che mettersi nei luoghi in cui non ci adattiamo può portarci a risultati indesiderati.

Per fare un esempio estremo, in uno studio di Joanne Bosco dell'Università di Waterloo, è stato chiesto alle persone con bassa autostima dove hanno detto a se stessi: "Io sono una persona amabile" e, al termine dell'esercizio, i partecipanti si sono sentiti riaffermati nella loro bassa autostima, senza il bisogno di cambiare.

Se la felicità sembra inafferrabile perché si sente il bisogno di essere qualcuno che non sei, allora fatti consigliare da Rath. Festeggia ciò in cui sei bravo e ringrazia tutti noi che mettiamo in evidenza le nostre caratteristiche uniche.

Articolo tramite: awebic.com

Tags
felicitàscienza8 cose