Curiosità4 motivi per cui la legge dell'attrazione non sembra funzionare con te

28/11/2018 - 11h

A una tale legge universale che afferma fondamentalmente che ottieni ciò che pensi, cioè che tutto ciò che focalizzi si manifesta nella vita reale. Il che rende molto logico ciò in cui vuoi credere: vuoi credere di poter creare la tua realtà. Tutti vogliono sentire quel tipo di empowerment e controllo.

Ma cosa non sembra funzionare per te?

1. Sei disperato

In altre parole, sei molto legato ai risultati. L'urgenza è resistenza. Sfortunatamente, non è possibile creare da un luogo di bisogno, perché quando si desidera qualcosa di molto e si sente molto male per non averlo, non si è in una modalità di autorizzazione.

La resistenza è ciò che impedisce alle manifestazioni desiderate di raggiungerti.  Risponde alla tua vibrazione perché hai ricevuto il libero arbitrio quando si trattava di quella realtà fisica. Avrai sempre la libertà di scegliere la tua vibrazione e l'universo risponderà sempre di conseguenza.

2. Troppi ''ma''

"Mi piacerebbe più soldi, ma non l'ho mai avuto prima." "Mi piacerebbe un nuovo lavoro, ma l'ho sempre fatto." Questi tipi di "ma" finiscono per uccidere ogni possibilità di vivere che il tuo desiderio ha, quindi è un vero colpo ai piedi! Invece, usa il "ma" a tuo favore cambiando la posizione della realtà percepita e del desiderio.

Ad esempio: "Non ho mai avuto molti soldi, ma penso di poterlo fare." "Ho sempre lavorato qui, ma mi piacerebbe provare qualcosa di nuovo." Hai notato la differenza? Usa "ma" a tuo favore ammorbidendo la realtà attuale con una nuova possibilità desiderata.

3. Le tue convinzioni non supportano la tua visione

La legge di attrazione mostra costantemente le prove dei tuoi pensieri. Le credenze non sono diverse. Le credenze sono solo pensieri che hai praticato più e più volte, rendendoli ancora più potenti dei pensieri regolari. L' universo dice sempre di sì. Quindi se credi in una certa cosa, l'universo continuerà a dimostrartelo.

4. Devi vederlo per credere

"Ci crederò quando lo vedrò", dici. E, indovina cosa? Se è così, non lo vedrai mai. Se vuoi che la legge di attrazione funzioni a tuo favore, devi prima crederci e vedere la seconda.

E questa è probabilmente la trappola più comune in cui la gente entra, per non parlare del più frustrante. La "trappola della felicità". Ad esempio: "Quando avrò una nuova casa, sarò felice." "Quando diventerò magro, mi sentirò meglio." Devi prima catturare l'emozione di ciò che vuoi e poi, di conseguenza, quello che vuoi verrà da te.

Se questo articolo ti è piaciuto lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

Tags
emozionisentimentipensieriforzaattrazioneleggemotivicredere