CuriositàAggrapparsi a ciò che è mutevole è la chiave della frustrazione

20/06/2020 - 13h

Quando qualcosa che una volta era “nostro” deve andare, deve finire, la sensazione di devastazione pervade tutto il nostro corpo e colpisce diverse aree della nostra vita. Tristezza, demotivazione, frustrazione, paure, paura dell'ignoto e innumerevoli domande su cosa fare da quel momento in poi. 

Troverò un altro lavoro migliore di questo? Troverò un amico così fedele? Troverò l'amore così intenso? 

Quante domande e dubbi circondano i nostri pensieri, quanti sentimenti paurosi circondano i nostri cuori, facendoci sentire fragili e portandoci a confrontarci con innumerevoli paure e domande.

Bisogna capire che, nell'Universo, nulla è fisso o permanente, tutto è in continua evoluzione , in continua evoluzione e in continua evoluzione. Aggrapparsi a ciò che è mutevole è la chiave della frustrazione. Dobbiamo andare verso il riconoscimento che, su questo piano, non abbiamo cose, siamo temporaneamente con le cose. Non abbiamo persone, siamo dalla loro parte, temporaneamente. E così è con tutto ciò che ci circonda.

Prendi un bellissimo fiore come esempio. Se ce l'hai, se lo tiri fuori dalla terra, lo ucc*derai, ma se lo contempli e ti prendi cura di te con tutto il tuo amore, sarà con te, temporaneamente, sentirai tutta la sua esuberanza, fragranza e bellezza. Ma allo stesso modo, ad un certo punto, appassirà, perderà il suo colore e i suoi petali, senza colore, cadranno a terra. Un ciclo termina. Non c'è niente che puoi fare per fermarlo. Tuttavia, subito dopo, c'è una rinascita, al suo posto appare un altro bellissimo fiore e l'intero ciclo ricomincia. Succede la fioritura.

Tutto cambia costantemente, cresce verso il suo stadio finale, solo il nostro essere, la nostra essenza, anche in continua evoluzione e miglioramento, ci appartiene.

Quando acquisiremo la comprensione che tutto ciò che c'è sta passando come le nuvole nel cielo, capiremo il valore intrinseco di vivere intensamente ogni momento e valutare ogni presenza che è con noi. Vivendo ogni secondo pienamente, intensamente, non voler tornare indietro nel tempo o vivere alla ricerca di un passato lontano, poiché vivremo nel presente con la certezza di aver fatto del nostro meglio, di aver fatto il meglio con le possibilità che avevamo in quel momento e che ora è il momento di lasciarsi andare in modo da poter offrire opportunità per nuove esperienze e lezioni. E va tutto bene. Va sempre bene.

Continua a leggere...

Siamo sorpresi in ogni momento, quando ci permettiamo di credere nelle innumerevoli possibilità che la vita ci offre. Se prima troviamo qualcosa di così incredibile, cosa ci impedisce di ritrovare qualcosa di così incredibile?

Spesso ciò che ce lo impedisce sono solo schemi mentali che ci imprigionano o limitano le convinzioni di "non meritare". Guarda dentro di te, conosci te stesso, riconosci te stesso e cerca di identificare quali credenze ti stanno limitando, impedendoti di credere nell'abbondanza di cose buone che l'Universo ha da offrirti.

Quindi, quando ti ritrovi attaccato a una storia che è finita, a qualcosa o qualcuno che non c'è più, ricorda che ad un certo punto hai anche pensato di non poter trovare qualcosa di così prezioso, quando, all'improvviso, l'Universo ti ha presentato qualcosa di così incredibile e ti ha sorpreso.

Quindi credi, ama, senti, vivi intensamente e completamente, ma non attaccarti completamente, perché tutto è un ciclo. E così sarà per sempre.

Lascia un mi piace e condividi l'articolo con i tuoi amici!

Tags
universociclovitapassatomomentibellibruttipresenteviverebenecontemplare
Ads