CuriositàCi sono più genitori iperpassivi che bambini iperattivi

26/12/2018 - 20h

Il termine iperattività è diventato molto popolare. Molti genitori pensano che i loro figli soffrano di questo disturbo, che i loro figli siano bambini iperattivi.

Rispettando i difensori e i diffamatori dell'esistenza di un tale disturbo, sembra che non ci siano così tanti bambini che lo hanno al punto da giustificare il gran numero di diagnosi che sono state fatte. 

Ci sono molti genitori, anche molti, che ricorrono ai centri di psicologia, psichiatria infantile o neurologia per una diagnosi che conferma i loro sospetti. Un sospetto che, secondo loro, indica che il bambino è iperattivo.

Il fatto è che spesso questa diagnosi non è confermata ei genitori lasciano più scoraggiati dalla consultazione di quanto non siano entrati (per quanto contraddittori possa sembrare), e altre volte questa diagnosi è confermata, ma si verifica nel modo sbagliato.

In una prima consultazione con i genitori, dopo aver identificato i comportamenti problema, viene fatta una valutazione delle dinamiche minori e familiari. Se necessario, interviene nella famiglia per ottimizzare le dinamiche familiari e il comportamento del bambino.

Bambini iperattivi o genitori iperpassivi?

Esiste ed è noto per domanda enorme di disturbi dell'attenzione diagnostico e disturbi da deficit di attenzione con o senza iperattività (ADHD) nei bambini che non concentrarsi in classe, fare le loro lezioni, se gli altri si muovono, sono più irrequieti.

Inoltre, possiamo elencare più denunce che, mascherate da sintomi, fanno sì che i genitori o gli insegnanti credano che questi bambini (che non soddisfano le loro aspettative) abbiano qualche tipo di problema o disturbo psicologico.

Continua a leggere...

Stanno passando consultazioni con diversi professionisti ed esperti con l'obiettivo di diagnosticare e etichettare i propri figli come iperattivi per stare calmi e, nel peggiore dei casi, medicarli. E in questo modo, agisci in modo iper-aggressivo.

Genitori troppo occupati e preoccupati

È vero che madri e padri non passano tutto il giorno seduti a guardare la televisione o guardando il cellulare. Molti hanno anche più di un lavoro lontano da casa, oltre alle faccende domestiche.

Giorno dopo giorno non si fermano, vivono di fretta, sono di fretta, sono molto occupati (e anche i bambini) e arrivano tardi e stanchi a casa, trascorrono pochissimo tempo con i loro figli e il breve tempo che passano è passivo.

Genitori e bambini hanno così poca energia quando arrivano a casa che non hanno voglia di giocare per strada, cucinare insieme, non c'è tempo per giocare sul pavimento per giocare a casa, solleticare il letto, fare torri con blocchi, cantare o ballare, ridere insieme, inventare storie con bambole o animali, raccontare storie, ecc.

Tecnologia e display occupano questi momenti condivisi. Quindi, i bambini non hanno l'opportunità di spendere la loro energia, anche soffrendo i sintomi di ansia, stress o eccessiva tristezza, noia o esaurimento. E i genitori cominciano a preoccuparsi di questi sintomi. Pensateci!

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

Tags
emozionisentimentipensierigenitoripassiviattivifigliproblemi
Ads