CuriositàLa differenza tra l'ego malato e l'ego sano:

10/03/2020 - 09h

L'ego sano conduce all'eros, che preserva la vita, promuove la giustizia e rispetta le differenze; l'ego malato stimola Thanatos e la sua ruminazione di pensieri negativi e atteggiamenti distruttivi.

Nel corso della storia sono emersi studi psicologici e filosofici che hanno approfondito il tema dell'ego e la sua relazione con il male, identificando che l'ego malato cresce e si nutre attraverso l'orgoglio, ciò che chiamiamo un individuo egoista, che agisce in modo inquietante e insidioso.

È importante differenziare che l'ego malato vuole essere al centro dell'attenzione, dal momento che il narcisista ha bisogno dell'approvazione ed è influenzato dall'opinione degli altri, ma all'egolater non importa cosa dicono e pensano di lui, cioè dannazione il mondo.

Ogni essere umano, fin dalla sua infanzia, modella il suo ego, che può essere malato o sano. 

Tuttavia, l'ego malato ha enormi difficoltà ad ascoltare e ad accettare la verità, poiché non rinuncia al fatto che le cose non vengano fatte a modo suo.

La vanità dell'egotista è piena di travestimenti, che nasconde la sua avidità, rabbia e vendetta. È per questo motivo che non esita a umiliare coloro che si frappongono sulla sua strada, dal momento che deve essere in evidenza ed evidenziare tutto ciò che lo differenzia dagli altri: i suoi beni, il suo clan e la sua religione.

È un dato di fatto, l'egoista si veste con un'apparenza d'onore per guadagnare sostenitori, ma ciò che vuole sono i vantaggi di cui vantarsi.

Se guardiamo al contesto socio-politico attuale, ci sono persone che sono ostentatamente esposte all'attesa dell'adulazione e al potere non esitano a praticare il male.

Il regno dell'ego malato è ossessionato dal segnare le distanze tra stati e paesi, perché si posiziona come il  proprietario della verità. Riproduce anche questa delimitazione in famiglia, al lavoro e sui social media al fine di mantenere il suo status quo, poiché "l'egoismo unifica gli insignificanti", come diceva William Shakespeare.

Continua a leggere...

Questo ego è uguale a quello di un bambino viziato, che ha una bassa tolleranza per la frustrazione, si comporta male e giura, spreca risorse finanziarie e umane, che sono a sua disposizione, mettendo i suoi genitori in una situazione imbarazzante.

D'altra parte, c'è l'ego sano, che canalizza la sua intelligenza creativa per migliorare la nostra vita quotidiana e sociale. La persona con un ego sano ha atteggiamenti generosi e assertivi, si rallegra del nostro successo e porta il fermo proposito che stiamo bene e che gli altri sono felici.

Pertanto, l'ego sano ci porta all'eros, che preserva la vita, promuove la giustizia e rispetta la differenza dall'altro, tuttavia, l'ego malato stimola Thanatos e la sua ruminazione di pensieri negativi e atteggiamenti distruttivi.

Pertanto, l'ego è un elemento biologico e primitivo della nostra psiche, che agisce nell'inconscio, dove i traumi e i desideri che lasciamo andare vengono repressi e mantenuti , ogni volta motivati ??dagli eventi che hanno segnato la nostra vita passata.

Dopotutto, l'ego sano ci consente di bilanciare la relazione tra il principio del piacere e il principio della realtà, con il compito di non lasciare che l'ego malato controlli la nostra vita.

È come affermava Carl Jung: "L'ego è dotato di un potere, una forza creativa, una conquista tardiva dell'umanità, che chiamiamo volontà".

Lascia un mi piace e condividi l'articolo con i tuoi amici!

Tags
egosanomalatonegativopositivosceltaorgogliovita
Ads