CuriositàQuando piangi per coloro che non ci sono più, piangi per te stesso, non per loro

11/06/2018 - 15h

Quando mio padre è morto, il mio intero mondo è crollato di fronte a me, l'idea di non rivederlo mai più, l'ho trovata così insopportabile che non ho potuto resistere. Non vederlo di nuovo, non sentire il suo affetto o abbraccio, la mancanza del suo consiglio erano le cose più forti che dovevo vivere.

Quando ho sentito la terribile notizia, non potevo contenere il pianto, il dolore che sentivo nel petto e in tutto il corpo. Dopo avergli detto addio, ero nella mia stanza, solo e rinchiuso, chiedendo con le lacrime agli occhi di rivederlo, a qualunque costo.

La domanda posta da mia madre, che è la donna più forte che conosco, mi rimarrà impressa per sempre:

Lo sai che stai piangendo per te stesso e non per lui?

Quando l'ho sentito, ero perplesso e non riuscivo a capire cosa significasse, certo che piangevo per mio padre, ma poi, vedendo la mia faccia confusa, mia madre ha continuato:

Capisco che fa male perdere qualcuno, ho anche io sofferto la sua scomparsa, ma col tempo sono riuscita a capire che si piange per sé stessi e non per quelli che se ne sono andati, cioè piangiamo perché li abbiamo persi, perché sappiamo che non saranno mai più al nostro fianco, almeno non fisicamente, perché se tutto ciò che si suppone si conclude con la morte, non sono più lì, nemmeno a lamentarsi per essere morti e la mia domanda è:

Se la vita continua oltre la morte, perché? Perché piangere e soffrire?

Bisogna accettare la morte e lasciarli andare, piangere per un momento ma non legarli per sempre alle nostre lacrime. Capisci che anche se non ci sono più fisicamente, la loro memoria continuerà ad essere presente in noi e ci accompagneranno nella vita in modo spirituale. Ricordali come erano nella vita e non lasciare che se ne vadano dalla tua memoria.

Non dovremmo morire con i nostri morti, quello che dovremmo fare è ricordare la loro vita e la nostra vita con loro, perché la fiamma della loro vita continuerà a vivere in noi, e saranno sempre lì per noi per farci rivivere. 

Molti affermano che senza i loro cari non sarebbero più in grado di continuare a vivere, ma non dovrebbero dire così.

Accettare che se ne siano andati ti aiuterà a crescere emotivamente, in questo modo scoprirai che la vita deve essere vissuta senza fare affidamento su nessun altro. Inoltre, non dovresti mai contenere lacrime, ma non costringerli a "restare", non importa se qualcuno ti respinge o che qualcuno ti forzi, sii solo te stesso, tira fuori il tuo dolore ma non legarti ad esso.

Ancora una volta ti dico, non morire con i tuoi morti! Lasciateli partire come ogni stagione dell'anno, come le rondini in autunno per nidificare in altri climi e restituire più numeri e rigonfiamenti in un'altra primavera.

Non tenere le tue lacrime o ingoiare il tuo dolore, perché rimarranno solo in attesa e in qualsiasi momento potresti esplodere, vivi ed esprimi tutto quando è il momento. Lascia andare la colpa, il rimorso o il rimprovero, i tuoi morti non ottengono nulla con questo e nemmeno tu.

Continuate ad amarli anche dopo la morte, ricordateli con affetto e forse con questo guadagnerete qualcosa: un'altra nascita. 

A volte vediamo solo una faccia della morte e l'altra parte ci sfugge. 

Cosa proveresti se guardassi la morte come un'altra nascita? 

La realtà è che il cimitero è come un solco dove vengono gettati i semi, nessun seminatore rimuove di nuovo la terra per cercare i semi già seminati, ma ritorna nel campo quando è tempo di raccogliere i picchi. 

Conserva i tuoi ricordi nel tuo cuore, a un certo punto si riuniranno di nuovo, per il momento, dedicati a vivere e ad essere felice.

E poi ho potuto capire perché mia madre aveva pianto solo nel momento in cui tutto è successo, pensavo che lei si fosse già dimenticata di lui, ma in realtà lo tiene nel suo cuore, quanta ragione aveva. 

Tags
mortepiantosofferenzarinascitaamoreaddiolacrimerivivereamare