CuriositàUna donna ha dato in adozione la figlia di 2 anni perché voleva un maschio

09/04/2021 - 09h

Una storia raccontata da un utente anonimo sul social network ha suscitato molte polemiche e indignazione in molte persone. La donna, che ha rifiutato di essere identificata, ha detto nella pubblicazione che sua sorella ha reso disponibile per l'adozione la figlia di 2 anni dopo aver dato alla luce un maschio perché non ha mai voluto essere la madre di una femmina.

L'intera situazione è avvenuta durante una videochiamata con la famiglia. L'intenzione dell'incontro era quella di mostrare il neonato a tutta la famiglia. Dopo tutta l'emozione di incontrare il nuovo nipote, la donna ha dichiarato le sue intenzioni ai suoi parenti.

A quel punto l'umore è cambiato dopo che la sorella ha annunciato di aver dato in adozione la bambina, senza dirlo a nessuno. La giustificazione usata da lei era che "non potevo prendermi cura di due bambini".

Tuttavia, per la donna, la sorella semplicemente non voleva una figlia. Ha detto che, nella sua prima gravidanza, la sorella era stata "depressa" quando aveva saputo che il bambino era una femmina.

Disgustata dall'atteggiamento della sorella, l'utente anonimo ha detto che non avrebbe mai potuto dire "addio" a sua nipote e che non aveva bisogno di farlo, perché avrebbe potuto prendersi cura di sua nipote, garantendole una vita stabile e tutte le risorse necessarie.

Nella pubblicazione, ha anche detto che la sorella ha sempre voluto essere la madre di un ragazzo e che ha "rinunciato" a sua figlia per "concentrarsi su quello".

La donna ha confessato di aver "perso la testa" con sua sorella durante la videochiamata, le ha chiesto come avrebbe potuto farlo senza parlare con la sua famiglia e l'ha definita un "mostro" e si è chiesta se, quando si sarà stancata del suo nuovo bambino, se si sbarazzerà anche di lui.

Continua a leggere...

La lite è finita solo dopo che la nonna delle sorelle ha avuto un attacco di panico su tutto. L'intera famiglia era furiosa con la donna e le disse che non avrebbe dovuto "perdere le staffe" con la sorella.

Tuttavia, non ha permesso che la situazione continuasse in quel modo e ha riferito di aver assunto un avvocato, oltre a chiamare i tribunali e il servizio di assistenza all'infanzia nel tentativo di invertire il processo di adozione di sua nipote. Ha riferito anche che avrebbe combattuto per la sua custodia.

In un nuovo aggiornamento della pubblicazione, la donna ha detto che sua nipote era stata rintracciata e che avrebbe proseguito le ricerche per l'affidamento della ragazza.

 Cosa ne pensi dell'atteggiamento della donna, pensi che abbia ragione nel cercare di proteggere sua nipote?

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

Tags
emozionisentimentipensieridonnaabbandonafigliafemminamaschionipotesorella
Ads