CuriositàLa giovane ha chiesto a Google di cambiare la definizione di sindrome di Down: "È una condizione, non una malattia"

13/06/2022 - 18h

«È una condizione genetica, ok? Non è 'colpa' della madre e non c'è niente che si possa fare per prevenirlo, succede e basta e può essere meraviglioso se lo si abbraccia con amore e coraggio” , ha detto Vitória Mesquita.

Qualcosa che la società ha avanzato è nell'eliminazione di alcuni pregiudizi e modi errati di riferirsi a determinate condizioni delle persone. Un caso particolare è quello delle persone con sindrome di Down, una condizione spesso chiamata malattia, che è un termine improprio.

Infatti, una giovane donna con questo disturbo in Brasile ha lanciato una campagna su Google per cambiare la definizione di sindrome di Down, perché era etichettata come una malattia. Vitória Mesquita, come viene chiamata questa ragazza, ha usato i suoi social network in modo che tutti coloro che volevano unirsi sostenessero la sua missione.

È stato grazie all'enorme supporto ricevuto che è stata in grado di apportare un cambiamento. “Ad aprile di quest'anno ho realizzato un reel (piccolo video) in cui segnalavo alcuni errori nella definizione e nelle caratteristiche della Sindrome di Down che avevo trovato sulla pagina principale di Google, il quale, tra l'altro, diceva che T21 era una malattia!“ , ha commentato Vitória in un post su Instagram.

“Pochi mesi dopo, abbiamo lanciato la campagna Aggiorna Google, che comprendeva più di 100 pubblicazioni e video di persone provenienti da tutto il Brasile che condividono conoscenze e si rafforzano in questa missione. Siamo stati molto contenti della ripercussione", ha aggiunto.

Vitoria all'epoca disse che “la sindrome di Down non è un disturbo o una malattia, è una patologia genetica, siete d'accordo? Non è 'colpa' della madre e non c'è niente che si possa fare per prevenirlo, succede e basta e può essere meraviglioso se lo si abbraccia con amore e coraggio.

Continua a leggere...

Dopo mesi di lotta per quell'obiettivo, ha avuto risultati positivi. La giovane ha detto che ora potrebbero festeggiare perché Google ha cambiato la sua definizione di questa malattia genetica, per la quale è stata grata per il supporto ricevuto.

"Sono fantastici! Oggi possiamo festeggiare! Google ha modificato il riferimento alla definizione di T21 e ha aggiunto informazioni che aiutano a combattere la disinformazione e l'empowerment. Siamo in questo insieme e andremo oltre, congratulazioni a tutti", ha commentato.

Vitória, con l'aiuto di sua sorella Luiza Mesquita, 26 anni, ha creato questo account Instagram per dedicarsi alla condivisione di informazioni su questa condizione e supportare più persone come lei.

Se questo articolo ti è piaciuto lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

Tags
emozionisentimentipensieristoriasindromedownmalattiacondizionegenetica
Ads