CuriositàMamma parla della sopravvalutazione dell'uomo nell'allevare i figli

19/05/2021 - 08h

Il ruolo della madre nella vita dei bambini è unico e insostituibile. A causa della connessione che condividono dal grembo materno, dall'allattamento al seno e dall'istinto, le madri spesso trascorrono più tempo con i loro figli rispetto ai padri, anche se sono sempre presenti.

Devono offrire un'attenzione diversa ai bambini, che dipendono dalla loro presenza per sopravvivere e svilupparsi in modo sano, quindi trovano costantemente un modo per bilanciare le loro responsabilità e prendersi cura di se stessi.

Investono molto di se stesse nei loro figli, per questo motivo possono essere ferite da alcuni commenti di persone a loro vicine, che a volte sembrano "diminuire" il loro sforzo quando lo confrontano con quello dei loro partner maschi.

Laura Mazza, madre e scrittrice, ha condiviso un racconto molto sincero dell'argomento, in cui si sfoga su quanto il sostegno paterno sia sopravvalutato, mentre pochi vedono davvero tutto ciò che le mamme affrontano quotidianamente.

La donna ha detto che vorrebbe che le persone smettessero di dire alle madri che sono “fortunate” ad avere un uomo al loro fianco che le aiuta con i loro figli.

Questo perché "portano" la maggior parte delle responsabilità. Laura dice che le mamme non possono mai essere sole, anche quando sono in bagno, sono sempre impegnate e raramente riescono a riposare.

Aggiunge anche che le madri sono "donne delle pulizie", "arbitri", "contabili", "autisti" e "infermiere", e che sono spinte a essere sempre grate, anche nei giorni più difficili, con la scusa che un giorno "Ne sentirà la mancanza".

Secondo Laura, oltre ad essere madri a tempo pieno, le madri devono anche avere un bell'aspetto, essere rispettabili, vestirsi “in modo impeccabile”, avere figli con comportamenti, lavoro, hobby perfetti e mettere tutti davanti a sé.

Continua a leggere...

Si è sfogata dicendo che mentre portano i bambini nel loro ventre, sono considerati miracolosi ma che, quando partoriscono, sono trattati come "cittadini di seconda classe".

Nonostante tutto questo, non vengono elogiati e hanno comunque bisogno di sentire che sono “fortunati” ad avere un uomo che aiuta.

Laura dice che questa non è fortuna, è avere una relazione con una persona che la apprezza e fa la sua parte. Inoltre, secondo lei, anche la famiglia delle madri è fortunata ad averle e devono essere trattate nel modo giusto.

La scrittrice crede che le donne e gli uomini meritino molto di più. Secondo loro, “i padri non sono babysitter, non sono aiutanti, sono padri”, e le madri “non sono macchine e robot”, meritano amore, rispetto e molto di più che sentire “sei fortunata che lui aiuta”.

È stato uno sfogo profondo. Qual é la tua opinione riguardo questo?

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

Tags
emozionisentimentipensierimadreruolosocietàpartnerpadrevitafiglibambini
Ads