PensieriSiamo esseri affettuosi, non possiamo vivere senza di loro

11/09/2020 - 20h

È innegabile che la nostra vita quotidiana sia circondata da relazioni affettive. Ciò che mangiamo, beviamo, vestiamo, con chi ci relazioniamo e dove lavoriamo sono segnati dall'affetto, tuttavia la pandemia ha bloccato i nostri affetti, rafforzato le nostre debolezze e rafforzato la dipendenza dagli altri.

Oggi desideriamo baci, abbracci e una calda vicinanza, che ha provocato un intenso cambiamento nei rapporti interpersonali, in quanto abbiamo sospeso le manifestazioni di affetto per la contaminazione del coronavirus.

Noi umani, fin dal grembo materno, abbiamo un potente veicolo affettivo con il corpo della madre, e che per tutta la vita gli affetti hanno un legame con le esperienze vissute in relazione alle persone, agli oggetti e agli ambienti del passato. Quindi, quando siamo amati nell'infanzia, ci sentiamo più sicuri, che è la sinergia per la nostra formazione.

Pertanto, l'affettività ha un ruolo decisivo nel processo di apprendimento, cioè l'affetto è un agente modificante, che influenza il nostro modo di pensare e di agire sul mondo.

Questo è il motivo per cui le esperienze positive creano affetti, ma l'ottusità affettiva può causare la ritrazione emotiva, che si verifica durante la pandemia.

Tuttavia, prima del Covid-19 abbiamo discusso dell'affetto con qualcosa di complesso, che si sta estinguendo dalla competizione economica, che cerca di rimuovere gli spazi per esprimere empatia.

La nostra modernità liquida ha rifiutato forme di affetto, a causa dell'imposizione della sua volatilità che era arrivata a disorganizzare tutti gli ambiti della vita sociale, come l'amore, la cultura, il lavoro, ecc. Come l'abbiamo conosciuta fino ad ora.

Continua a leggere...

Alleata a questo contesto, la pandemia ci porta a un senso di smarrimento, costringendoci a ripensare i nostri valori e che il nostro modo di esistere nel mondo non è più lo stesso.

In effetti, la crisi sanitaria ha dimostrato che dobbiamo appartenere a una comunità locale e globale e che la buona volontà è una porta per agire in modo umano, contribuendo a coltivare i legami sociali che sono vitali per la nostra esistenza.

Tuttavia, il narcisismo è stato colpito dal virus, in cui l'io non è più il centro dell'universo, mostrando l'importanza di mettere in pratica l'umiltà e riconoscere che siamo imperfetti.

Pertanto, l'educazione affettiva, post-pandemica, deve essere un imperativo per creare un clima esperienziale di sensibilità, di gesti orgogliosi, belli e buoni, come quelli che ci mancano in questi giorni di isolamento, e che vanno coltivati dopo questa crisi. che copre l'intero pianeta.

Infine, la pandemia ci sta ricordando che siamo esseri di affetto, che non possiamo vivere senza di loro. In questo senso, non siamo nati pronti, non siamo esseri finiti, siamo processo, siamo progetto e stiamo attraversando.

Se questo articlo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

Tags
emozionisentimentipensieriesseriaffettuosivitarelazionipandemia
Ads